Il filo conduttore dei miei lavori è l’esistenza che va affrontata nelle sue sfumature individuali più intime fino a quelle collettive e più esteriori

Condivido i frammenti del mio vissuto per portare gli sguardi verso la parte invisibile del nostro essere: la fragilità, la resilienza e la complessità della nostra esistenza.

Le tematiche trattate sono in linea con una ricerca nel mondo interiore per conoscere le nostre doti intime e nascoste.

La scelta del materiale è caratterizzata dal concetto dell’opera e può variare dalla tela grezza alla pietra e al legno con tecniche che possono spaziare dalla pittura alle rappresentazioni video.

Cultura e pensiero mi portano ad utilizzare i fili di lana e cotone come un percorso ripetuto e meditato tra vissuto e presente. Il fili sono dei legami tra mondo interiore ed esteriore, tra noi e l’altro e tra noi e il mondo.